Post

Case storiche da spostare

Immagine
In California, non so se lo sapete, si usa spostare le case storiche!  Se ne è parlato molto di recente, nel febbraio del 2021, quando a San Francisco una casa vittoriana di 139 anni, a due piani, con sei camere da letto e tre bagni, è stata spostata di sei isolati in città. Secondo la Historical Society di San Francisco, questa è stata la prima volta in 50 anni che un evento del genere è accaduto in città. Nel 1974 pero', erano state 12 le case spostate allo stesso modo, il che aveva reso lo spostamento di case storiche piuttosto comune in città all'epoca.  Dopo così tanti anni, la memoria storica cittadina di questo tipo di eventi deve essersi un po' affievolita, perché lo spostamento della casa storica di San Francisco (vuoi per la pandemia che ha reso eventi come questi ancora più affascinanti, vuoi perché appunto era da tanto che una cosa così non succedeva), ha fatto parlare tantissimo e ha spinto la gente in strada a partecipare a questo evento così raro e significat

Quattro

Immagine
  Oggi sono quattro , gli anni di Lenticchia!  La nostra secondogenita, nata a Los Angeles, oggi compie 4 anni nella Città degli Angeli.  Che grande dono che sei stata per me e per la nostra famiglia, bambina mia! Quattro anni fa ti ho vista per la prima volta proprio intorno a quest'ora, verso le 10 del mattino, in un'altra giornata di sole a Los Angeles.  Quando ti ho vista per la prima volta, il mio cuore si è riempito di una gioia immensa e ho sentito allora il profondo amore che ancora ci lega.   Prima che nascessi, il tuo arrivo mi spaventava un po'. Non sapevo che cosa significasse avere un secondo bambino, non sapevo come avresti cambiato gli equilibri deslla nostra famiglia a 3, non sapevo come saremmo stati in 4, come ti avrei vista io, come ti avrebbero vista il tuo papà e il tuo fratello maggiore.  Ma quando ti ho vista per la prima volta, tutte queste paure si sono dissolte in un sorriso.  Ti sei presentata a me e a noi rosea e paffuta, sana, con il nasino a pa

Los Angeles: uno, nessuno, centomila

Immagine
Definire Los Angeles è molto difficile. Da qui il titolo di questo nuovo post!  La prima volta che ho visto Los Angeles era il lontano 2010. Mi trovavo in vacanza in California con mio marito e abbiamo fatto il classico giro: San Francisco, poi giù lungo la costa sulla famosa Highway 1 e poi, una breve visita a Los Angeles, prima di rientrare passando per il Kings' Canyon, perché vuoi venire in California e non visitare nemmeno un parco nazionale? So bene che è piuttosto tipico per i turisti vedere Los Angeles in un paio di giorni!  Ma purtroppo Los Angeles, non si lascia scoprire in due giorni .  Un'amica una volta mi disse: "Non bastano dieci anni per capire Los Angeles!" Ed io, che ci vivo da quattro ormai, confermo che questi anni non sono stati sufficienti per farmi sentire che conosco Los Angeles.  Probabilmente, per tutto il tempo che vivrò qui, continuerò a pensare che Los Angeles non la conosco abbastanza . Perché?  La prima volta che visitai Los Angeles da t

Immigrata

Immagine
San Marino, California: The Huntington Library, Art Museum, and Botanical Gardens Credo di aver capito profondamente che cosa significhi essere un immigrato in un Paese straniero solo quando io sono diventata una immigrata italiana in California.  Per anni, in Italia, ho avuto la fortuna di avere a che fare con immigrati:  alle medie, avevo un'amica indiana;   una delle mie più care amiche, sin dai tempi delle superiori, è di origini cinesi; all'università ho conosciuto ragazzi turchi, giapponesi e indiani che lavoravano nel mio dipartimento o in quello di mio marito. E poi ho conosciuto una ragazza ugandese che mi ha aperto gli occhi sulla realtà del suo Paese di origine e ha fatto capire a me e a mio marito che supportare il suo progetto in Uganda, dedicato alle donne vittime della guerra e delle violenze, era anche la nostra missione.  Ma vivere l'esperienza dell'immigrazione sulla propria pelle è diverso . Ho lasciato l'Italia nell'aprile del 2012, seguendo

Realizzare un sogno vincendo una borsa di studio americana

Immagine
Un anno fa ho vinto una borsa di studio, una di sei in tutti gli Stati Uniti, che mi ha permesso di lavorare alla Huntington Library, Art Museum, and Botanical Gardens di San Marino, California. Il motivo che mi ha spinto a fare domanda è stato principalmente uno: il profondo amore che nutro per la Huntington Library.  Eravamo ancora a San Francisco quando ho visitato la Huntington per la prima volta. E me ne sono innamorata profondamente. La Huntington è stata la ragione per cui, quando stavamo solo considerando la possibilità di trasferirci a Los Angeles per lavoro, io ho detto sì a Los Angeles .  Per una storica dell'arte come me, essere a Los Angeles significa avere accesso alle collezioni d'arte del Getty Museum e Villa, della Huntington, del Norton Simon Museum e di tanti altri musei di arte che sono in città. Rispetto a San Francisco, ci sono sicuramente più opportunità nel mio campo.  Ma rispetto a tutti questi altri musei, la Huntington a me ha fatto un effetto strano

Quando la vita va avanti, anche senza di te

Immagine
Una delle mie più care amiche oggi ha avuto la sua seconda bambina! Mi ha appena mandato le foto, di lei in ospedale, di lei con questo fagottino meraviglioso tra le braccia, di questa creatura che a me sembra un miracolo vivente.  Ho sentito un fortissimo desiderio di essere in Italia, di poter andare all'ospedale per portare dei fiori alla mia amica e per vedere quel miracolo vivente dal vivo! Ma quando ho chiesto alla mia amica se il fratellino più grande avesse già conosciuto la sua sorellina appena nata, lei mi ha risposto che no, che a causa del Covid i bambini non sono ammessi nella struttura ospedaliera.  Per me è stata come una doccia fredda. Come uno schiaffo in faccia.  Io che realizzo che sì, anche in Italia tutti i protocolli sono cambiati e anche lì ci sono limitazioni simili con cui ci dobbiamo confrontare quotidianamente. Ovvio.  Ma la voglia di essere lì resta, forte!  Quando succedono queste cose, quando nasce un bambino, ad esempio, e io non sono lì per dare il b

Incendi in California

Immagine
Degli incendi in California non credo di avervi mai parlato. E ricordo bene come sembravano gli incendi in California visti dall'Italia, raccontati dai giornalisti: un fatto di cronaca, sì, ma lontano e distante, così lontano e distante da preoccupare relativamente.  Ma ora io sono qui, in California, e vedo il fuoco dell'incendio Bobcat dalla finestra di casa mia.  Se ne sta lì, acceso e nel frattempo sento i rumori degli aerei che da quattro giorni a questa parte sono presi dal gettare acqua su questo incendio per tentare di fermarlo. Si tratta di un incendio che è iniziato sulle montagne della Los Angeles Forest ma ora si sta avvicinando pericolosamente ai centri abitati sotto alle montagne. La maggior parte delle volte gli incendi in California NON sono dolosi. E questo dall'Italia io non lo avevo mai capito!  Quando vivi in California, gli incendi, così come i terremoti e il traffico a Los Angeles, diventano una certezza. C'è addirittura una stagione degli incendi,