Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2016

Lavorare per una start up a San Francisco

Immagine
"Cercasi storico o storico dell'arte di formazione che conosca bene San Francisco e che sia magari anche un city blogger " diceva quell'annuncio di lavoro trovato su una pagina Facebook.  Eccomi qua! - pensai subito - e senza pensarci mandai il mio curriculum. Era un anno e mezzo fa...  E fu così che ebbe inizio una delle avventure più tipicamente sanfranciscane che io abbia vissuto qui in città!  S e infatti a Los Angeles il 90% delle persone sembra sia legata lavorativamente , in un modo o nell'altro, al mondo del cinema, a San Francisco il 90% delle persone pare sia invece parte del sistema della start up, sempre che non lavori in una grande azienda tipo Google, Facebook, Twitter o Adobe. Esagero, eh: ma sicuramente queste realtà rappresentano attualmente un aspetto molto distintivo della città.  Ma cos'è successo allora dopo quel colloquio da Twitter ? Come ho raccontato dalle Amiche di Fuso feci il colloquio in questo posto pazzesco e fui pr

Voci italiane a San Francisco # 17

Immagine
C'era una volta una famiglia formata da mamma e papà, due ragazze e due bambini. Vivevano in Sicilia e tutta la loro vita era lì, a Gela. Ma un giorno si presentò l'occasione di fare le valigie e attraversare l'Oceano per ricominciare in California. Lo faranno? Eccovi qui la loro storia, raccontata da Stefania, nella consueta rubrica "Voci italiane a San Francisco".   Volete presentarvi brevemente? Come siete arrivati in California?   Brevemente… insomma tieni conto che siamo in 6… Tutta la famiglia allo Yosemite National Park Claudio, mio marito, ingegnere elettronico, lavora per una multinazionale che opera nel campo dei semiconduttori. Siciliano con la passione per hiking e passeggiate all’aria aperta. Stefania, giornalista, ho lavorato per diverse testate giornalistiche siciliane e (malgrado i 10 mila km di distanza) sono direttore responsabile di un quotidiano online. E poi ci sono i nostri figli Chiara di 13 anni, tra pochi giorni inizia il suo primo

Ultimi giorni a San Francisco

Immagine
Sì, avete letto bene: sto per lasciare San Francisco, è una questione di un paio di mesi ormai... si parla della fine di settembre.  E lo so da un po' ma in questi mesi non sono riuscita a trovare il coraggio di dirlo, di scrivere a penna, virtualmente, nero su bianco che me ne sto andando. Non lo volevo dire a voi perché non riuscivo a dirlo a me per prima... ma questo è il nuovo, grande cambiamento di cui siamo protagonisti!  E ora, che lo sto guardando dritto negli occhi questo futuro che mi aspetta, sento che ho il coraggio di gridare che sto lasciando San Francisco. Lascio questa meravigliosa città che amo e odio con tutta me stessa, che mi ha dato tanto e mi ha tolto tanto, che mi ha spinto oltre i miei limiti per farmi scoprire tutto quel coraggio che, vi confesso, non sapevo di avere...  Lascio qui un pezzo del mio cuore, il pezzo più prezioso, quello che qui ha visto nascere una nuova me, quella donna che è stata disposta  a pagare sulla sua pelle il prezzo di un esp