giovedì 11 aprile 2013

La fiera del libro di Fort Mason

Due volte all'anno a San Francisco viene organizzata una fantastica fiera del libro usato a Fort Mason, nel quartiere di Marina. La fiera occupa quasi una settimana intera e viene allestita all'interno di un padiglione, che vedete qui sotto, situato proprio di fronte alla Baia
Che cos'ha di veramente eccezionale questo evento?
Beh, tutti i libri (e anche i cd e i dvd) vengono venduti ad un prezzo stracciato che varia da 1$ a 3$ a seconda della tipologia (i volumi con la copertina rigida sono i più costosi... ben 3$!). 
La domenica poi, nell'ultimo giorno della fiera, tutto viene venduto solo a 1$!


Il ricavato delle vendite viene dato interamente alla Public Library di San Francisco che usa questi fondi per finanziare i progetti educativi intesi a promuovere l'interesse per la lettura di bambini, giovani e adulti
Si può trovare veramente di tutto a questa fiera alla quale sono stata la scorsa domenica: da un'edizione di inizi Novecento di una biografia assai ricercata a libri nuovi, ancora nel cellophane. Ci sono cataloghi d'arte nuovi di zecca, riviste più o meno recenti, libri per bambini, opere scientifiche, libri di testo per universitari e fumetti, oltre ai cd e ai dvd.
Il tutto è adagiato su lunghi tavoli che occupano tutto il padiglione. 
I libri sono divisi per temi segnalati da cartelli numerati e colorati. 
Naturalmente, all'ingresso, ti viene fornita una bella pianta del padiglione di modo che ti sia possibile localizzare facilmente le singole sezioni. 
Nella 24, dedicata alla letteratura straniera, oltre a volumi in francese, tedesco e spagnolo, ho trovato anche qualche romanzo italiano che ovviamente è scrivolato silenziosamente - ma anche molto velocemente - nel mio carrello. Non vi ho ancora detto che dei capienti carrelli rossi, simili a quelli comunemente presenti nei parcheggi dei supermercati americani, sono a disposizione del pubblico. Finiscono stranamente col riempirsi presto, fino all'orlo, di letteratura
E del resto, quale spesa potrebbe essere migliore di questa?
Nella ricerca bisogna solo avere molta pazienza. Passare in rassegna tutti questi libri per scegliere quelli più interessanti non è cosa facile. Ci si mette un bel po' di tempo a spulciare tra questi mucchi e nel frattempo gli occhi sono bombardati da copertine multicolori, titoli appariscenti e immagini che stordiscono a lungo andare... Solo con una pausa di tanto intanto, puoi trovare la pazienza di continuare a cercare per fare dei grandi affari e tornare a casa contento, con una bella serie di libri nuovi in saccoccia.  
Mi sono stupita di trovare, tra tutti questi volumi, un numero di una rivista dedicata a Giotto e alla Cappella Scrovegni. C'era il timbro del Comune di Padova! Come ci sarà mai arrivato a San Francisco 
Storie di libri, di passaggi di libri; storie di persone che posseggono libri e con essi si muovono o, più semplicemente, storie di vendite più o meno lecite che fanno sì che questi libri viaggino attraverso il mondo e superino anche l'Oceano.
Mi sono imbattuta anche in lunghe dediche, scritte in inglese o a volte in italiano sulle prime pagine.
Mi ha fatto sorridere questa:  
"Carissima Chiara, io non ti conosco abbastanza bene da essere certo che questo libro ti possa piacere."
Penso alla possibile storia di questo libro e mi chiedo se Chiara lo abbia poi apprezzato come regalo di compleanno oppure se abbia deciso di liberarsene perché effettivamente, non era un libro adatto a lei...
Mi è capitato anche di trovare delle cartoline, forse utilizzate come segnalibro e poi dimenticate lì, tra quelle pagine. Cartoline che parlano di viaggi, di amicizie a distanza, di un affetto celebrato dall'Europa all'America, che traspare tra queste righe scritte durante una siesta sotto ad un albero di arance a Siviglia.   
 
E ancora, fotografie.
Chissà se qualcuno si è mai chiesto che fine abbiano fatto queste foto del compleanno di questa bambina. Chissà se qualcuno le ha mai cercate per casa. 
Mi dispiaceva perché questo scatto, che rappresenta un ricordo per più di qualcuno, ora è distante dal suo proprietario. 
Ma magari è proprio questo il bello dei ricordi: possono essere condivisi, acquisendo nuovi significati, e ora questo è diventato anche un mio ricordo, che è parte di me e della mia vita
Storie, ancora storie, che questi libri raccontano. 
Non nascondo che il vissuto di un libro mi ha sempre incuriosito molto e forse per questo mi occupo di manoscritti medievali, che spesso raccontano storie incredibili ricostruibili attraverso le tracce che portano, di un passato tanto misterioso quanto affascinante.

Il messaggio che appare, tra le righe di questo evento, è che la cultura è di tutti e per tutti, e basta che tu voglia investire anche solo 1$ dei tuoi risparmi per possedere un libro perché tu possa godere a pieno della cultura in questa sua forma. E non ti serve un libro nuovo: anche se vecchio, un libro è sempre in grado di trasmetterti qualcosa! 
Risultato finale di questa fiera?
53 libri acquistati per 53$. 
Una libreria rimpinguata e tante nuove parole da apprezzare.
Alla prossima

7 commenti:

  1. Che bel bottino ad un prezzo stracciatissimo.. e sono d'accordo.. ultimamente faticavo a comprare i libri perchè spesso li trovavo, soprattutto le nuove uscite, a 15/18€ e se leggi parecchio iniziano a pesare sul budget mensile!! E i libri usati hanno quel qualcosa di magico.. che piace molto anche a me!
    le dediche, le cartoline.. è bello immaginarsi una storia dietro a quelle poche righe.
    ps dimmi che la seconda fiera si terrà a fine settembre.. proprio quando dovrei essere dalle tue parti, ti prego! ;)

    RispondiElimina
  2. Che bella iniziativa, soprattutto per chi, come me, fatica a bilanciare la passione per la lettura e i costi che hanno i libri adesso. In realtà sono passata senza grossi traumi all'e-book reader per la comodità (viaggiare con 10 libri al seguito è difficile), ma il piacere della carta è impagabile...e ancora di più il trovare tra le pagine tracce di una storia da immaginare!

    RispondiElimina
  3. che bello!!!! sono bellissimi i libri vissuti trovati nelle bancherelle, e poi 53 libri a 53 dollari sono un record!!!

    RispondiElimina
  4. Ah, che invidia! Noi di solito ci andiamo sempre, ma quest'anno sono partita subito prima!

    RispondiElimina
  5. Quello che mi piace die libri usati sono proprio i ricordi e le dediche che si trovano all'interno. Bellissima occasione, Sabina!

    RispondiElimina
  6. Ieri alla Feltrinelli portando un libro ricevevi un buono da 5 euro, da usufruire su una spesa di minimo 20 euro. Noi abbiamo portato "L'origine della specie" di Darwin (solo perchè ne avevamo altre 2 copie) e acquistato di Rumiz: Trans Europa espress + Stickers di pompieri.

    RispondiElimina
  7. Che bello! La lettura nutre davvero la nostra vita! Quindi continua a scriverci Sabi e a mostrarci SF attraverso le tue parole!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...