mercoledì 20 febbraio 2013

Realizzare un sogno...

Comprare i biscotti delle girls scout: fatto! 
La settimana scorsa mi trovavo alla stazione di Palo Alto. Stavo acquistando i biglietti del Caltrain, il treno che collega Palo Alto - dove si trova il campus della Stanford University - a San Francisco. Reggevo Peggy con una mano (ovviamente su ogni treno ci sono più vagoni pensati per i viaggiatori con biciclette al seguito!), procedendo con l'acquisto del biglietto alle macchinette apposite. Classico momento dal sapore circense con le braccia della dea Kali che si muovono a mo' di polipo impazzito per non fare cadere nulla! Alle mie spalle, in un momento così drammatico, sento un brulichio di voci bambinesche. Conquistato il biglietto, mi giro a vedere di che si tratta. 
Due girls scout con fascia verde addosso mostrano sorridenti e orgogliose il loro banchetto pieno zeppo di biscotti. 
Mi lascio intenerire dal loro entusiasmo e dalle loro faccette felici per l'importante impegno pomeridiano e mi avvicino pensando: "E del resto, quando è che mi ricapita di poter acquistare i biscotti delle girls scout americane??". 
Mi sembra di realizzare un piccolo sogno comprando loro quei biscotti, come ho sempre visto fare solo nei film. E poi mi dico: "Ed è anche per una buona causa: guardale qui queste bambine senza clienti!". 
Chiedo che tipo di biscotti ci siano e loro partono come saette in un americano perfetto che mi fa tanta invidia. La prima mi spiega le prime due tipologie di biscotti con una cura del dettaglio davvero ammirevole, poi si interrompe arrivata alla terza scatola per fare proseguire la sua compagna di avventura. "Fantastiche!" - mi dico - "E che organizzazione! In pieno spirito americano!". 
Mi fermo alla scatola verde. Quando hanno detto "Thin mints" nella mente è risuonato il gong: i biscotti al cioccolato ricoperti di glassa al cioccolato con la menta fanno proprio al caso nostro! 
Do loro i soldini, le ringrazio, le saluto e mi allontano soddisfatta per aver contribuito alla crescita del sistema scout americano! 
Ma sono talmente contenta ed entusiasta del mio acquisto che non riesco a controllare la gioia. Così mi rivolgo nuovamente a loro dicendo: "Oh, thanks girls! You know, I come from Italy..." (= Grazie ragazze! Sapete, io arrivo dall'Italia...). Sarebbe seguita una frase del tipo: "Da noi difficilmente si trovano i banchetti delle girls scout per strada e io li avevo visti solo nei film, quindi grazie, grazie ancora!". 
Non faccio a tempo a concludere la mia frase perchè al mio "Arrivo dall'Italia..." segue l'esclamazione stupita della mamma che, in italiano e con un accento piemontese schietto, mi dice: "Ma dai! Vieni anche tu dall'Italia?!!". 
Rimango di sasso
"Ma come? (e lo penso alla Fantozzi) Ho appena comprato i biscotti americani dalle girls scout americane e adesso viene fuori che non c'è niente di americano in tutto questo???". Cerco di non mostrare proprio tutta la mia grande delusione e continuo la discussione con la mamma per scoprire se almeno una delle due bambine è nata negli Stati Uniti per giustificare quella spesa di 4$ sonanti! La signora mi dice che sua figlia è per metà italiana e per metà americana. Invidia ripetuta per il suo americano perfetto! L'amica invece è americana. "Almeno una!" penso. E poi mi viene da ridere.
Ma dico: possibile che non si riesca a liberarsi di questi italiani? Devono proprio sbucare in ogni dove quando meno te l'aspetti???
Alla prossima,
Sabina 
P.s.: se volete ridere, consiglio la lettura delle scritte bianche e gialle sui due lati della scatola dei biscotti... 
"Oh what a girl can do!"  

9 commenti:

  1. la sorpresa che non ti aspetti....! Invidia per la bici sul treno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qua mi sembra che un'invidia tiri l'altra! ;)

      Elimina
  2. Io ho ceduto l'anno scorso, più che altro perchè ero appena arrivata e non avevo capito nulla di quello che mi avevano detto, così ho comprato per farle stare zitte...ma le mie girl scout erano americane al 100%! :-) Comunque anche qui non si può mai parlare in italiano in pace convinti che nessuno ti possa capire, siamo dappertutto!!! :-)

    RispondiElimina
  3. Mi stai quindi dicendo che sono l'unica al mondo ad aver comprato biscotti da scout che parevano americane e invece erano italiane? Bene, ne sono veramente contenta! :-/

    RispondiElimina
  4. Ma sono buoni i biscotti delle girl scouts? Anche io me le trovo ovunque ma visto che in Italia da studentessa universitaria ero terrorizzata dagli scout sui treni regionali (battaglioni di bambini in calzette con adulto che suona Battisti alla chitarra impedendoti di dormire o leggere ) tendo a evitarli anche qui per riflesso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, quelli che abbiamo preso non sono male!

      Elimina
    2. Ok alla fine li ho presi anche io.. proprio come i tuoi alla menta.. e si, sono buoni! Non riesco a resistere ai biscotti (e poi c'era questa bambina bionda che mi e' arrivata in casa con i suoi occhioni blu a dirmi se li volevo, proprio all'ora di merenda.. )

      Elimina
  5. Fantastica!! In questo momento pur sbiascicando il mio pochissimo inglese ci rimarrei di sasso anche io! pretendo girls scout americane con biscotti americani! ;)
    e piacere, io sono Greta: avventuriera a Milwaukee.

    RispondiElimina
  6. Piacere Greta, avventuriera a Milwaukee!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...