venerdì 30 novembre 2012

Ma come ho fatto a vivere senza? #1

Inauguro con oggi questa rubrica intitolata appunto "Ma come ho fatto a vivere senza?", che ci porterà dritti dritti fino a Natale. 
Ho visto che per molti è già partito il conto alla rovescia con la preparazione del calendario dell'Avvento e l'nseguimento dell'Elf on the Shelf...
Beh, con questa rubrica mi propongo di assecondare la vostra curiosità relativa alla varietà del mercato americano e di farvi fare pure qualche risata, mostrandovi quanto di più assurdo si possa pensare di acquistare, per sè o per i propri cari per Natale. 
Vuoi un regalo originale, unico nel suo genere e per questo assolutamente inestimabile? 
Non ti preoccupare: qui troverai una vasta gamma di oggetti particolarissimi e ti assicuro che, dopo averli visti e conosciuti, anche tu ti chiederai: "Ma come ho fatto a vivere senza?"

Partiamo con il primo della serie. 
Eccolo qui! 
E non poteva non essere lui, vero Maddina cara?
Del resto, come si può non desiderare di averlo? 
 
Non avete capito di che si tratta? Ma come? 

Sappiate che ci sono persone che si sono interrogate PER ANNI sulla reale funzione di questo aggeggio, o come lo definirebbe mia nonna: Cisalloro. E pensate che c'era addirittura un toto scommesse in atto prima che arrivassimo Leo ed io qui in California a svelare l'arcano mistero.
Non vi lascerò con l'angoscia di sapere di che si tratta, perchè a Natale si è tutti più buoni, no? 
Ecco qui la spiegazione: allenatevi un po' con l'inglese e saprete di che si tratta...

Sognate già di averlo, vero?
Lo sapevo!!!
 
Al prossimo,
Sabina



Per la cronaca: la prima foto, con quella folla di Babbi Natali nella piazza di Noale (VE), risale al dicembre 2011 quando ci siamo fatti una bella corsetta così conciati! 
 

1 commento:

  1. Si a Natale si è tutti più buoni, diciamo buonini perchè ci avete lasciato con la scritta in inglese.....eh eh eh e anche con la traduziione bisognerebbe vederlo all'opera!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...