mercoledì 11 marzo 2015

Non sono tutte rose e fiori! # 2

Qualche tempo fa vi raccontavo qui delle zone pericolose di San Francisco, dei quartieri da evitare possibilmente di giorno o di notte e delle sparatorie che ogni tanto accadono, purtroppo. 
Ma ci sono anche problemi più leggeri (e comunque rognosi) che affliggono chi, come me, vive a San Francisco: parliamo dei parcheggi, per esempio.
Vi sono diversi tipi di parcheggi in città. Quelli a pagamento costano un accidenti: potrebbero chiedervi anche 25$ per qualche ora nel downtown o attorno allo stadio del baseball (At&T Park) alla sera, eppure a volte vale persino la pena di pagarli quei soldi pur di risparmiarsi una multa di almeno 70$!  
Foto presa da Findingthesweetspot.com
Per trovare un parcheggio più economico io di solito consulto una delle app nel telefono (BestParking o SFpark, giusto per dirvene due) che indicano i parcheggi nei dintorni e i rispettivi prezzi per la sosta all'ora o giornaliera e poi scelgo il più conveniente. 
Nell'area del downtown i parcheggi sono a pagamento anche sulla strada e possono costare anche 1$ per 4 minuti di sosta. Ci sono anche quelli gratuiti, specialmente nelle vie secondarie, ma generalmente si può stare parcheggiati per un'ora soltanto, quindi questi tornano utili sono in caso di toccata e fuga. 

Questo inferno non si limita naturalmente solo alle zone centrali ma riguarda anche le zone residenziali, anche se con modalità diverse! Se per esempio non hai un garage - com'è il nostro caso visto che ci costerebbe 200$ d'affitto in più al mese - e devi parcheggiare per strada, attenzione ai cartelli che indicano non solo la durata della permanenza possibile (1 o 2 ore di solito) ma anche i giorni e gli orari in cui invece non è proprio possibile parcheggiare per via della pulizia della strada. Facile, direte voi. Ma sentite qua: davanti alla Maison Jaune puliscono il secondo martedì del mese, dalle 8 alle 10 di mattina da un lato e dall'altro il secondo venerdì del mese nelle stesse ore. Occhio quindi al lato e sempre uno sguardo al calendario prima di scendere, per capire se siamo nel secondo martedì o venerdì del mese! Doveste essere sfortunati, potreste veder arrivare queste macchinine malefiche con le quali si sposta la polizia municipale pronta a darvi una bella multa...   
Ovviamente poi, per rendere il tutto ancora più complicato, ogni strada ha il parcheggio vietato in giorni diversi e così, lungo le strade perpendicolari alla nostra, la pulizia stradale ha luogo ogni lunedì e mercoledì mattina. 
Vi assicuro che tenere a mente tutto questo, quando alla sera si cerca disperatamente di parcheggiare con un bambino ululante sul sedile posteriore, non è proprio la cosa più semplice del mondo. Fatto sta, che dopo un bel po' di multe prese, ho imparato, ahimè...
Sempre nelle zone residenziali, se si paga una tassa annuale di circa 150$ si ottiene il parking permit che permette di lasciare la propria auto parcheggiata nello stesso posto, fino a 3 giorni al massimo, senza doverla spostare ogni due ore. Ma come fare allora in caso di partenza per un viaggio di una settimana? Le cose sono due: o si ha un caro amico che si prende cura della tua auto e ogni tre giorni te la sposta oppure bisogna pensare di pagare 10$ al giorno lasciando l'auto in aereoporto (sempre che si parta con l'aereo!). Alternative valide non ne ho ancora viste, anche perchè pur trovando in città una via ove non vi siano limitazioni per la sosta, sarebbe comunque necessario spostare l'auto nei giorni della pulitura della strada, cosa che avviene almeno una volta a settimana. 
Insomma, noi per due anni abbiamo vissuto senza l'auto approfittando del car sharing ma dopo l'arrivo di Tegolina abbiamo sentito il bisogno di averne una e questi sono alcuni dei problemi che un'auto a San Francisco porta con sè...
E a quanto pare non sono nemmeno l'unica a pensarla così. 
Ho appena scoperto questo libro: Finding the Sweet Spot. The Insider's Guide to San Francisco Parking. Sapete che cosa dice la presentazione? "Finding the Sweet Spot offers practical and creative solutions to the most aggravating, frustrating, and intimidating aspect of the San Francisco urban experience: PARKING!" Quindi con 3.34$ investiti in questo acquisto, la mia vita cambierà per sempre???   
 

9 commenti:

  1. In effetti da' un bel po' da pensare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti sto un po' rimpiangendo il car sharing, con assicurazione e benzina incluse e garage di rientro dell'auto assicurato!

      Elimina
  2. be ma 10$ al giorno in aeroporto (se si parte con l'aereo!) mi paiono ragionevoli viste le alltre cifre...no? Neppure in Italia con 8euro te la tengono 24ore...

    Emy di https://da4leeallaustralia.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero!
      Solo che se pensi che di solito per un viaggio intercontinentale si sta via almeno 2 settimane, bisogna considerare almeno 150$ di parcheggio da aggiungere al costo del biglietto per il volo che è molto alto!

      Elimina
  3. Leggendo qualche libro di King mi sembrava un po'strano che i personaggi continuassero a spostare l'auto o a temere di prendere la multa! Ma ora so il perché ;) un bacio cugi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai! Questa non la sapevo! Devo dire che non ho letto molta letteratura americana... non ancora per lo meno! ;)

      Elimina
  4. Da turista credo di aver pagato anche di piu', sigh!!
    Mi segnero' le tue app, just in case! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, da turisti si viene sempre fregati!! Pensa che io sto cominciando a capire come trovare soluzioni più economiche solo ora, dopo 3 anni di permanenza qui, e a volte ancora mi trovo a pagare un sacco per il parcheggio quando non ci sono alternative valide!

      Elimina
  5. Io così diventerei matta! Faccio fatica persino a ricordarmi come mi chiamo!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...