venerdì 8 marzo 2013

Niente paura italiani: c'è Amazon!

"Oh, noooo!!! 
Di nuovo: è finito il caffè!
Accidentaccioooooooooo"
E che sarà mai? - direte voi - ci vuole tanto ad acquistarlo? 
Sì, parlate bene, voi che avete a due passi da casa una selezione da paura di caffè macinato o in grani italiano, di tutte le marche! 
Pensate a noi poveri italiani all'estero! Pensate che ogni grano rappresenta un bene prezioso e assai raro per chi vive in America... 
Ma niente paura: per fortuna, per noi italiani espatriati, esiste Amazon! Si tratta, per chi ancora non lo sapesse, di un sito che vende prodotti di qualunque genere, e te li spedisce pure a casa. Fatica zero! Basta avere una carta di credito per il pagamento.
Ecco quindi finiti i tempi in cui gli italiani all'estero versavano lacrime amare ripensando all'espresso bevuto in patria! 
E non occorre nemmeno aspettare di tornare in Italia per caricare la valigia di 10 kg di caffè per la sopravvivenza in terra straniera. 
Basta ordinarlo su Amazon e, dopo 2 giorni, ti arrivano a casa 4 pacchi da 250g di vero caffè italiano. Lo paghi un po' di più che in Italia, ma comunque meno di quanto lo pagheresti in un negozio qualunque che venda prodotti italiani a San Francisco.
Unica controindicazione: Amazon può creare dipendenza! Infatti ordini qualunque cosa comodamente seduto sul divano, con il computer appoggiato sulle gambe, e trovi tutto, ma proprio tutto quello che ti può servire (e pure quello che non ti serve davvero, ma che vuoi assolutamente avere come quei fantastici porta-spazzolini dalle simpatiche forme di cui vi parlavo qui).  
A volte però qualcosa va storto... 
Prima di Natale avevo ordinato un libro piuttosto costoso. Lo aspettavo per gennaio, ma tardava ad arrivare. Così ho contattato il servizio clienti di Amazon: si straniscono che il mio pacco non sia ancora arrivato. Mi invitano a contattare direttamente il venditore che si è occupato del mio acquisto e della spedizione. Anche lui si stranisce del mancato arrivo del libro e provvede a contattare il servizio postale per cercare di rintracciare il pacco. Non si riesce a trovare il libro che, secondo il venditore, è stato spedito a dicembre. Quindi, da un lato c'è il venditore che dice di averlo spedito e dall'altro ci sono io che dico che non l'ho mai ricevuto. E la posta non offre nessuna informazione perché il pacco non è tracciabile. 
Quindi? 
Mi rimborsano i 90$ del libro e si scusano per il disagio. 
Vi ho raccontato tutto questo perché mi sembra che quanto accaduto sia esemplare nel mostrare come viene trattato il cliente qui in America. 
Nessuno in questa contesa ha mai messo in dubbio che io potessi mentire! 
Non che io abbia mentito, lungi da me, ma trovo fantastico che sia il servizio clienti sia il venditore mi abbiano creduto, sebbene io non avessi modo di dimostrare coi fatti che non avevo ricevuto niente. Hanno creduto alla mia parola. Hanno dato per scontato che io fossi sincera. E trovo che questo sia veramente splendido! 
Sarà anche l'esito di una politica che intende facilitare il cliente e invogliarlo ad acquistare di nuovo sullo stesso sito - e sarò io la vittima perfetta che si lascia abbindolare da così tanta attenzione e cortesia - fatto sta che un sistema in cui si dà fiducia alla gente mi piace in ogni caso, per principio! 
Ma in Italia potrebbe funzionare?
Alla prossima
  

10 commenti:

  1. No, non funzionerebbe, sì è meraviglioso. Quando sono in USA mi beo di tutta questa correttezza e politica di rispetto del e fiducia nel consumatore...
    caffè dall'Italia? è incredibile considerando che la pianta cresce in zona tropicale... ma nemmeno da wholefoods trovi qualcosa di decente? A me non manca quando sono via perchè in Italia non lo bevo quasi più e lì bevo l'orrido beverone quando proprio ho voglia di una bevanda calda perchè mi diverto a metterci qualsisi spezia e diventa quasi buono (vogliamo parlare della polverina alla zucca e cannella?) ;)

    RispondiElimina
  2. Sono fedelissima all'espresso e per questo non mi accontento del caffè macinato americano! Toglietemi tutto ma non la schiumetta sul caffè!
    E per questo dall'Italia sono partita con la Brikka della Bialetti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brikka anche io :) ma il caffe' lo trovo buono anche qui!

      Elimina
  3. Capisco, un tempo anche io ero così. pensa che ora invece bevo l'orzo al mattino e d'estate leggeri tè bianchi profumati... :)

    RispondiElimina
  4. Ahahah :-) concordo con te su amazon, se ordini qualcosa ne diventi dipendente!! A me piace acquistare su internet, scegli in comodità ciò che ti serve e poi ti arriva a casa!! Al momento su amazon ho fatto solo un ordine, ma devo dire che mi son proprio trovata bene :-):-) personalmente il caffè nn mi piace, ma quando vado all'estero mi basta la cioccolata calda di starbucks ad esempio a farmi venire il mal di stomaco:):) non oso immaginare il caffè che obbrobrio!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molta gente beve e apprezza il caffè americano. Di recente ho scoperto che anche i messicani lo bevono, anche se con meno frequenza del popolo statunitense! Io però non ce la faccio: all'espresso non riesco a rinunciare!

      Elimina
  5. anche a me era successa una cosa simile: pacchetto spedito da amazon ma non arrivato a casa, all'ufficio postale non riuscivano a tracciarlo...
    allora amazon me ne ha rimandato un altro, ma dopo pochi giorni e' arrivato quello originale... che ho quindi rispedito!

    e' tutto un "tu ti fidi di me, io allora mi fido di te", ed e' bellissimo :-)

    RispondiElimina
  6. Io ho ordinato un cellulare in internet e scrivono che se non dovessi riceverlo me lo rinviano! mumble.. anche se devo capire ancora la logistica dei pacchetti tipo firma e consegna perchè non ho un citofono e siamo in un condominio.. vedremo ;)

    RispondiElimina
  7. La mia paura in Germania e in Inghilterra era l'assenza patologica dell'unica mia vera droga, LO STRACCHINO!

    Mi sa che via Amazon non si riesce ad averlo intatto e mangiabile!

    Arianna

    RispondiElimina
  8. Dev'essere bellissimo li!
    Mi piace molto il tuo blog!E' una bellissima idea.
    Se ti va, passa da me. Ho aperto da poco un blog dedicato alla musica indipendente e agli artisti emergenti. Se vuoi, seguimi. Io sono già tua follower!
    Baci.
    B.G.
    http://hiddenmusichides.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...