lunedì 8 ottobre 2012

Profumo di frolla

Sì, è così, quando sono a casa ed è lunedì mattina, e tengo la finestra dello studio aperta mentre lavoro seduta alla mia scrivania, lui entra. 
Entra con forza attraverso le finestre aperte, si avvicina lento e inesorabile, si accosta alle mie narici che improvvisamente, sentendolo arrivare, si allargano per riceverlo. 

Ah, il profumo della pasta frolla... 

Chiudo gli occhi e inspiro, assaporando con l'immaginazione queste torte appena sfornate nella pasticceria accanto. 
E subito penso alla prima torta preparata in America.
Penso alla sensazione che quella crostata nel forno mi aveva dato: 
il sapore di casa. 

Il profumo della frolla è per me il profumo delle primavere e delle estati passate qui, con la finestra aperta, è il profumo della mia giovinezza, è il profumo che si unisce all'intenso odore dei libri aperti, sfogliati e sottolineati, è il profumo che si presenta puntualmente di lunedì mattina e il mercoledì, di pomeriggio, è la costanza del sentirti a casa. 

Ora però la mia casa sta dall'altra parte dell'Oceano e mi sta aspettando... 
E allora penso che nel mio cuore convivono case diverse e ognuna rappresenta una parte importante di me totalmente inscindibile dalle altre e sono felice perchè ogni casa è per me speciale e continua a stare dentro di me, ovunque io vada.
Alla prossima,
Sabina  
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...