lunedì 13 agosto 2012

Hot fun in the Summertime

Siamo arrivati a quota 5 con la hit parade delle canzoni legate a San Francisco. Ed effettivamente, quale titolo potrebbe più adatto a questo particolare momento dell'estate che ci vede avvicinarci velocemente a Ferragosto? 
Ecco quindi per voi Hot fun in the Summertime degli Sly & The Family Stone.

La band originaria di San Francisco è stata prolifica tra il 1967 e il 1983. Era guidata da Sly Stone, musicista e cantautore, che iniziò la sua carriera come disc jockey lavorando presso la radio locale KSOL, una stazione radio che trasmette dal 1948. 
Sly Stone lavorò anche come produttore per la casa discografica Automn Records seguendo alcune delle band dell'area di San Francisco, come ad esempio The Mojo Men, che ormai conoscerete benissimo! 
Nel 1967 Sly Stone, con alcuni membri della famiglia e amici, fondò quella che ancora oggi viene considerata la prima rock band americana in grado di portare avanti, con una certa coerenza, un progetto multi-genere riuscendo a far convivere rock, funk, soul e  musica psichedelica.

La canzone Hot fun in the Summertime che celebra i giochi e i divertimenti estivi venne registrata nel 1969 e fu distribuita alla vigilia della performance della band niente-popò-di-meno-che a Woodstock. Il singolo ottenne naturalmente un grandissimo successo. 

E voi? Che cosa prevedete di fare nei prossimi giorni? Con quali giochi vi intratterrete in queste torride giornate d'agosto? 
Non ditemi che il caldo vi attanaglia e la vostra mente non riesce ad immaginare nient'altro che un po' di refrigerio perchè sinceramente, faccio davvero fatica ad immaginarlo: io sono qui con pile e copertina! 
Nonostante questo però, nella Maison jaune fervono i preparativi per il prossimo divertimento estivo, se di divertimento si può veramente parlare... 
Per il prossimo weekend abbiamo infatti previsto qualche giorno in campeggio con un gruppo di amici di vecchia e di nuova data, del tutto internazionale. Acquistati di recente tenda - abbastanza alta da contenere il gigante buono e la sottoscritta (claustrofobica nelle tende canadesi) - materasso gonfiabile, scarponi e calzettoni, zaini, bicchieri ripiegabili che ricordano molto quelli rotondi che si chiudevano su se stessi e che tanto ci piacevano da bambini negli anni Ottanta... ci apprestiamo a fare il nostro primo ingresso al parco nazionale dello Yosemite! Sono curiosa di visitare questo luogo dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, che all'anno registra circa 3 milioni e mezzo di visitatori!
Ci prepariamo all'ascesa del monte ventoso, petrarchescamente parlando, e in particolare alla scalata dell'Half Dome. Si tratta della cima più alta che svetta sulla valle dello Yosemite di 2696 metri (ovvero 8840 piedi, per dirla all'americana). Una vera impresa, perchè si tratta di una scarpinata di 12 ore e la cosa mi spaventa non poco visto che non sono molto abituata alle passeggiate serie in montagna... 
Ad ogni modo, ci si proverà. 
Io conto di portarmi un bel libricino da leggere al sole, in caso di ritirata. Se poi dovesse succedere che, presa dall'euforia e sull'onda dell'entusiasmo, si riuscisse a raggiungere la meta, ben venga: il librettino resterà in saccoccia. 
Credo che in ogni caso ci sarà modo di godersi il paesaggio, le numerose cascate che incontreremo lungo il sentiero e l'aria buona di montagna!  
Alla prossima,
Sabina


1 commento:

  1. Non ci resta che aspettare le foto. Se ti fermerai ad aspettare non sarai la prima_ in famiglia, una che adesso è una grande camminatrice, in riva al lago si è fermata: non a guardare il panorama, non a leggere un libro, ma a dormire!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...